s

MISSION E STORIA

I centri di spiritualità per religiosi e religiose a Loppiano vorrebbero essere questa comunione di santità offerta dai figli dei fondatori, una specie di Vangelo dispiegato e illuminato dall'unità

[riduci] [espandi]

L'esperienza profonda nell'amore scambievole, non solo all'interno della propria comunità ma anche tra diversi ordini e congregazioni è il vero motivo della presenza di suore e di religiosi a Loppiano.

A spiegarlo è p. Theo Jansen OFMCap, attuale responsabile del Centro di Spiritualità 'Claritas' che, ad oggi, ha accolto religiosi di oltre 150 ordini.

Per le religiose c'è Casa Emmaus che ad oggi ha aperto le porte a più di 2000 consacrate.
I carismi insieme si ritrovano più belli, perché si penetrano l'uno con l'altro e nella dinamica dell'unità ogni carisma diventa più se stesso, esprimendo la bellezza dei carismi.

La Chiesa ha riconosciuto nell'Opera di Maria un carisma per tutti, quindi anche per i religiosi - aveva specificato p. Andrea Balbo OFM, uno dei primi ad aver aderito alla spiritualità dell'unità - esso rafforza e rivitalizza la base di ogni spiritualità, cosicché gli istituti risultino sempre meglio parole del Vangelo tradotte in vita.

I centri di spiritualità per religiosi e religiose a Loppiano vorrebbero essere questa comunione di santità offerta dai figli dei fondatori, una specie di Vangelo dispiegato e illuminato dall'unità

Ma qual è stato il motivo che ha spinto i primi religiosi di ordini e congregazioni diverse ad aderire alla spiritualità dei Focolari, fin dagli anni '40?. E' stata Chiara Lubich stessa a spiegarlo:

"L'incontro con il Movimento e la pratica della sua spiritualità significò spesso per loro - oltre un aumento di zelo per la gloria di Dio - una riscoperta delle loro regole, un amore e un apprezzamento più cosciente dei loro fondatori. Conosciuto poi meglio il Padre, naturalmente, si stringeva più forte il vincolo tra i fratelli. Lo spirito del Movimento ben inteso e ben praticato portava una più sentita e amorosa obbedienza ai superiori, cosicché ben presto se ne videro i frutti. Ordini, per esempio, che, per una più perfetta osservanza delle leggi interne, subivano un vero e proprio rinnovamento, magari col ritorno alla primitiva osservanza; aumento di vocazioni; nuovo sviluppo nelle missioni; compiti difficili e di responsabilità affidati a coloro che vivevano questo spirito; onda nuova di vita nei seminari, ecc."[1].

 

PERMANENZA PRESSO I CENTRI

Situati entrambi nella cittadella di Loppiano, i due centri per consacrati e consacrate sviluppano iniziative di formazione alla vita d'unità. Sono sorti su ispirazione di Chiara Lubich, che ha dato come programma la frase evangelica: "La luce che hai dato a me io l'ho dato ad essi affinché siano uno come io e te" (Gv 17,22). I destinatari sono i membri degli Istituti di vita consacrata, delle Società di vita apostolica e delle nuove forme di vita consacrata.

La lingua parlata presso i centri è l'italiano, con la possibilità di alcune traduzioni in altre lingue.

Il programma viene concordato insieme ai partecipanti in base al periodo che hanno a disposizione. La permanenza può essere anche una modalità alternativa per svolgere gli esercizi spirituali.

 

CORSO "SVEGLIATE IL MONDO"

Nell'ambito del Centro di Alta Formazione "Evangelii gaudium" promosso dall'Istituto Universitario Sophia, a partire dall'anno accademico 2016-2017 è stato attivato a Loppiano un corso di qualificazione per la formazione e l'animazione in Vita consacrata. I centri internazionali di spiritualità Claritas e Casa Emmaus in collaborazione con l'Istituto Universitario Sophia ne sono promotori.

Il corso intende rispondere alla sfida che papa Francesco ha rivolto ai seguaci di fondatori e fondatrici: «Mi attendo che ‘Svegliate il mondo', perché i religiosi e le religiose, al pari di tutte le altre persone consacrate, sono chiamati ad essere ‘esperti di comunione'... Attendo da voi quello che chiedo a tutti i membri della Chiesa: uscire da sé stessi per andare nelle periferie esistenziali. C'è un'umanità intera che aspetta» (Lettera in occasione dell'anno della vita consacrata, 21 novembre 2014).

Il corso dura un semestre (ottobre 2016 - marzo 2017) e prevede due giornate residenziali ogni mese. Privilegia uno stile teorico-pratico. Tipico dell'iniziativa è il contributo di vita e di esperienza di ciascun partecipante. Si prevede un corso anche nel prossimo anno accademico. Il progetto ha ottenuto l'incoraggiamento della Congregazione per la Vita Consacrata.

Nel flyer allegato sono disponibili informazioni circa il programma, l'iscrizione, i costi e il riconoscimento accademico (crediti).

 

Contatti

Centro di Spiritualità Claritas - p. Theo Jansen (3386845737; claritas@focolare.org)

Centro di Spiritualità Casa Emmaus - Maria Teresa Van Dick (3206316184; casa.emmaus@loppiano.it)

 


C. Lubich, Scritti spirituali/3, Città Nuova, Roma 1996, p. 60.