Nel corso dell’Open Day di venerdì scorso 22 febbraio, studenti e docenti hanno evidenziato nella prospettiva interdisciplinare il valore aggiunto dei percorsi formativi offerti dall’Istituto Universitario Sophia.

Non era un Open Day universitario di tipo tradizionale, in cui professori e personale di segreteria illustrano il piano di studi e rispondono a domande su procedure d’iscrizione e tasse; anche questo, ma non solo. Sono stati gli studenti, un’’ottantina di 30 Paesi e iscritti alle tre specializzazioni– Economia e Management, Ontologia Trinitaria e Studi Politici–, a fare gli onori di casa. Rami, egiziano, ha raccontanto com’è arrivato a Sophia: “Ero in prima linea nella rivoluzione che due anni fa ha portato un soffio di primavera araba anche nel mio Paese, ho dormito in piazza Tahrir, ho manifestato con migliaia di persone per le strade, abbiamo lottato per la libertà mettendo a rischio la vita. Ma dopo un’esperienza così forte, sentivo il bisogno di arricchirmi dentro e Sophia è questo per me. Sono venuto “sul monte”, lontano dalla folla, per assorbire la Sapienza. No, non è una fuga dai problemi, sto continuando a vivere la rivoluzione a fianco del mio popolo in modo diverso; scrivo articoli che vengono pubblicati in Egitto e allo stesso tempo mi nutro della Sapienza che trovo qui a Sophia, sia nei corsi che nella vita quotidiana con studenti e professori. Sento che sto mettendo basi solide “dentro” per portare la pace dove manca”.

 

 

Share This