Ospiti ucraine della cittadella polacca “Fiore”.

Mons. Cesar Essayan, Vicario dei Latini di Beirut e Giuseppe Argiolas, Rettore dell’Istituto Universitario Sophia hanno firmato un protocollo d’intesa per promuovere la partecipazione degli studenti libanesi ai corsi di Licenza (biennali) in Economia e Management.

 

Secondo gli ultimi rapporti delle Nazioni Unite, circa il 15% delle famiglie libanesi è stato obbligato ad interrompere l’istruzione dei figli. È nota, infatti, la grave crisi sociale, economica e politica in cui è sprofondato il Paese dei Cedri. Alla forte inflazione, si è aggiunta negli ultimi mesi, la penuria di carburante, elettricità e di beni di prima necessità, come cibo e medicinali (in particolare, latte per neonati e farmaci per malati cronici). Contesto che costringe a fare scelte dolorose, che hanno come estrema conseguenza di estendere la crisi del Paese anche all’ambito educativo e culturale.

Così, il 24 marzo scorso, in occasione della visita di Monsignor Cesar Essayan, Vicario dei Latini di Beirut, alla cittadella di Loppiano, è stato firmato un protocollo d’intesa con l’Istituto Universitario Sophia, per collaborare – come si legge nel testo dell’accordo – a “ricreare le condizioni di uno sviluppo economico e sociale” e di permettere ai giovani libanesi “di avere accesso ai vari gradi di studio”.

«Solo un respiro culturale diverso dal nostro – ha commentato Monsignor Essayan, di fronte ad una rappresentanza degli studenti, del corpo docente dell’Istituto e al Rettore Giuseppe Argiolas, cofirmatario del protocollo – ci può aiutare ad aprire gli occhi sulla nostra stessa realtà e a trovare vie diverse per la ripresa del nostro Paese. A formare persone che si riconoscano “persone”, con una vocazione al bene comune e che sappiano costruirlo. E, se noi, attraverso questa collaborazione, possiamo permettere anche ad una sola persona di fare questo… Come si dice? “Chi salva una vita, salva il mondo”».

Secondo il protocollo, l’Istituto Universitario Sophia si impegna, per i prossimi tre anni, a promuovere la partecipazione di studenti libanesi ai corsi di Licenza (biennali) in Economia e Management, a promuovere la ricerca, la pubblicazione dei risultati, lo scambio culturale e l’attivazione di borse di studio per il sostegno dei costi di iscrizione e di permanenza presso il Campus universitario.

«Il Libano – ha aggiunto monsignor Cesar Essayan al termine della cerimonia – è un paese che ha bisogno di tanta unità. Non riusciamo ancora a unirci come popolo. Questa è una delle ferite che non riusciamo ancora a guarire e una delle sfide che non riusciamo ancora a prendere sul serio. La paura ci impedisce di andare verso l’altro, anche perché non abbiamo mai avuto un’esperienza dell’altro come quella che questa università può offrire».

Ad oggi, a Beirut, c’è già un potenziale candidato interessato al corso di Economia e Management che sta sostenendo colloqui conoscitivi con il vicariato e Sophia. Inoltre, stanno arrivando le prime donazioni per sostenere gli studenti libanesi attraverso borse di studio.

  • Per sostenere le borse di studio per studenti libanesi presso l’Istituto Universitario Sophia è possibile effettuare un bonifico bancario sul conto corrente intestato alla “Fondazione per Sophia” presso BANCA POPOLARE ETICA

IBAN: IT52I0501802800000011307055

Causale: Erogazione liberale per giovani studenti libanesi

 

Scorri le immagini della galleria

Share This