17.04.1940 – 18.12.2017 – Volontaria – “If anyone enters through Me, he will be saved.” (Giov.10,9). A wave of gratitude filled the whole town of Loppiano and beyond for the life of Piera Balduzzi who, together with her husband Matteo, was one of the pioneers of Loppiano.

There are people who are part of the history of Loppiano and Piera Balduzzi – with her husband Matteo – was one of them. They arrived in 1974 from Clusone (Bg), north Italy on the feast of Saint Lucy, with the first 5 children.

Due to a pulmonary embolism Piera left us suddenly on Monday, December 18, 43 years after their arrival.  It is difficult to say what the town of Loppiano had lived during these hours, these days.  However, Piera’s son, Paolo expressed it well at her funeral held last Wednesday, December 20 in Mary Theotokos Shrine.  Gen Verde accompanied the mass with their songs.

Paolo – well known as a journalist in the RAI TV show “A sua immagine” (“In his image”) – said among other things: “One of the most intense moments of these days happened yesterday afternoon when all of us sons and daughters with grandchildren and sons-and daughters-in-law gathered around father in the living room to listen to him tell his story with mother: from her birth in Mologno di Casazza (Bg) January 17, 1940, to the struggles of her first job at 11 years as a waitress at a Milan family. When she returned to Casazza at the age of 17, she worked first in a hardware store and then as a nurse in the Clusone hospital. And it was in the hospital that in 1962 she met the young Matteo Balduzzi. Two years of engagement then the wedding on October 10, 1963. The witness of the bride, was the primary of her Department of Obstetrics who later would tell her that she could never have children.  This caused great pain and even a crisis between Piera and her husband  that would take them to the edge of a separation. It was during this period that they got to know the Focolare Movement, thanks to their brother-in-law Tino Piazza, another pioneer of Loppiano “.

It was in the Mariapolis of 1965 that Piera remained struck by this phrase of the Gospel: ‘Love one another as I have loved you’. “And there – she says -” our lives changed  by discovering the word ‘as’ that we had never lived before! Thus we began to say: How much did Jesus love us? He gave us life … And this was what made us move forward “. The couple not only became more united but shortly after, Piera began to feel symptoms that revealed an unexpected pregnancy. From 1965 to 1985 Piera and Matteo would become parents to 10 children, 8 boys and two girls, one of whom Gianpaolo left for heaven five days after his birth. The loss of the third child was for Piera the discovery of a new dimension of pain: “A pain so strong” – she said – “that makes you mature. I had already heard of Jesus Forsaken, but one thing is to hear about him and another is to experience this reality.”

Meanwhile, slowly they settled down in a beautiful house that was built according to their taste, a good job for Matteo, many friends, and even finally many children who started to arrive. This was until March 1974, when Piera and Matteo received the proposal to leave everything they had built to build another dream, that of the town of Loppiano. As things turned out, it really looked like a dream or some madness: there was no security of salary, not even a house. It was all about going to live with 5 children in a tiny apartment above a barn where one could see the stars (because the roof had holes and when it rained it rained inside too). This was certainly far from any comfort. “I think it was Our Lady who made us say yes” – Piera confided. In those months, they experienced an alternation of darkness and light, which often accompanies the great choices of life. “I remember that night because of tiredness or cold, I do not know – says Piera – I went outside,  sat on a huge stone and I just started to cry. But who made me do this? I who had everything?” I asked myself. Doubt obscures everything, but in sharing this with Matteo, light returned. On the night of the Feast of St. Lucy, between December 12 and 13, Piera, Matteo and their children left Clusone, (Bergamo) for Loppiano. In Bergamo, where they came from, gifts for the children arrive on the feast of St. Lucy. “The children started to cry saying: ‘but here Saint Lucy will not come by.’ and I answered: ‘But no, you will see that this year Jesus Christ will pass by…’ and that evening we were overwhelmed by love; someone brought a pot of hot soup, another a loaf of bread, and later that evening  Renata Borlone – who was co-director of the town and now is Servant of God – arrived with the gifts of St. Lucy. You can imagine the surprise and joy of the children!”

These were still the pioneering years of Loppiano, characterized by a strong spiritual drive and generous, concrete commitment. Piera and Matteo continued to build their family trying to give their children not only intelligence and freedom, but also the spiritual values that would accompany them in their lives.  Giorgio, Chiara, Gianpaolo, Andrea, Emanuele and Silvia, were born in Clusone and Paolo, Simone, Mario and Tony were born in Loppiano.

 These years had also been characterized by a close correspondence with Chiara Lubich who proposed – as a guide – a personal Word of Life for Piera: “Those who come in by me will be saved” (Jn 10.9) and one for the family: “We know that in all things God works for good with those who love him, those whom he has called according to his purpose.” (Rom 8, 28)

The following is taken from Piera’s letter to Chiara Lubich on December 3,1995: “I met the movement discovering God as Love who has always fascinated and filled me with great joy. Then I discovered Jesus Forsaken very early after I met the movement. Jesus Forsaken came in grand style, at the departure to Heaven of my third child.  This made me ask why without being able to identify this pain, but it was Jesus in our midst who gave me the strength to go on. In these days I have had the grace to feel that I am in love with Him and I feel in my soul a great desire to discover Him under every thing, every little thing that I encounter every day to be able to embrace Him and say: I love you “.

And on November 30,2003 Piera wrote Chiara again: “The union with God … this dialogue with Him always, is the thing that I feel strongly in my soul which gives me a new charge that I never experienced or felt before. These yeses to Him Forsaken and Risen in me and in the people Jesus has entrusted to me enables me to see with new eyes. I feel strongly that God loves me immensely and I feel that I have to thank him  every moment with my life “.

After the death of Chiara Lubich, she also corresponded  with Maria Voce, Emmaus – current president of the Movement – especially after the onset of a tumor. She wrote on October 23, 2015: …”I was operated in August and now I’m undergoing chemotherapy. I try to offer everything for the Work of Mary, for Loppiano, that the Holy Spirit be with all of you always, on these special days.” Emmaus replied: “I am grateful to you for letting me know your soul and how you are living this precious period of your life. Jesus Forsaken has presented himself to you in a solemn way. I am with you in recognizing him and welcoming him with love … “.

In this last period of her life, Piera complained of various pains, but nothing that would make us forsee such a sudden departure for Heaven. She died on December 18 at the Figline Vald’Arno hospital. “She left us silently – her son, Paolo said – as she has always lived. Although it was a sudden departure, in reality it seemed that she almost felt it, that she had prepared for this appointment for some time. In the most difficult moments of her life she always asked for Mary’s help and she always thanked her for the graces she received. And it seems to us that the Word of Life this month “I am the Lord’s servant,” said Mary; “may it happen to me as you have said,” has helped her and enabled her to say that “yes” that she repeated until the very end.

Piera gave her life to realize the dream of a permanent Mariapolis, but from what we have lived here in Loppiano these days, from the trail of light and gratitude that she has left, we saw how also God realized his dream on Piera, his plans for her. The moment of the last greeting was a bit of paradise, a hymn of praise to God, and also to her.

a quarantatre anni da quel giorno, Piera ci ha lasciati lunedì 18 dicembre all’improvviso, per una embolia polmonare. Quello che la cittadella ha vissuto in queste ore, in questi giorni, non è facile da dire,  ma lo ha espresso bene il figlio Paolo ai funerali di Piera svolti mercoledì scorso, 20 dicembre  nel santuario Maria Theotokos, animati dai canti del Gen Verde.
Paolo – volto noto perché  giornalista in Rai nella trasmissione  “A sua immagine” –  ha detto fra l’altro: ” Uno dei momenti più intensi di questi giorni è stato ieri pomeriggio, quando, tutti noi figli e figlie, con i nipoti, generi e nuore, ci siamo stretti nel salotto di casa ad ascoltare il papà che racconta la sua storia con la mamma”: dalla sua nascita a Mologno di Casazza (Bg) il 17 Gennaio 1940, alle fatiche del suo primo lavoro già a 11 anni come cameriera presso una famiglia di Milano. Quando a 17 anni torna a Casazza lavora dapprima in un negozio di ferramenta poi come infermiera nell’ospedale di Clusone. Ed è proprio in ospedale che nel ‘62 conosce  il giovane Matteo Balduzzi. Due anni di fidanzamento poi il matrimonio  il 10 Ottobre 1963.  Testimone della sposa,  è il primario del suo reparto di ostetricia, lo stesso che poco dopo le dirà che non potrà mai avere figli provocando un grande dolore e una crisi  che  li porta sull’orlo di una separazione. E’ in questo periodo che conoscono il Movimento dei Focolari, grazie al cognato Tino Piazza, altro pioniere di Loppiano”.

E’ nella Mariapoli 1965 che Piera rimane folgorata da questa parola del Vangelo: ‘amatevi come io ho amato voi’
. “E lì – racconta lei – “ci siamo messi bene davanti alla nostra vita scoprendo che quel ‘come’ noi non lo avevamo mai vissuto! Lì si è cominciato a dire: Gesù come ci ha amato? Ci ha dato la vita… E questo è stato ciò che ci ha fatto andare avanti“. La coppia non solo si ricompone ma poco dopo Piera comincia ad avvertire sintomi che riveleranno un’ impensata gravidanza. Dal 1965 al 1985 Piera e Matteo diventeranno genitori di 10 figli, 8 maschi e due femmine, di cui uno Gianpaolo, partito per il cielo a cinque giorni dalla nascita. La perdita del terzo figlio è per Piera la scoperta di una dimensione nuova del dolore: “Un dolore così forte” – racconta – “che ti matura. Avevo già sentito parlare di Gesù Abbandonato, ma non lo avevo provato sulle mie spalle”.

Intanto pian piano si sistemano con una bella casa costruita su misura e secondo il loro gusto, un bel lavoro per Matteo, tanti amici, e anche finalmente tanti figli che cominciano ad arrivare. Fino al Marzo 1974, quando a Piera e Matteo arriva la proposta di lasciare tutto quanto avevano costruito per edificare un altro sogno, quello della cittadella di Loppiano. Per come sono andate le cose assomigliava davvero a un sogno o a una follia: non c’era sicurezza di stipendio, non c’era una casa, si trattava di andare ad abitare con 5 figli in un minuscolo appartamento sopra una stalla, con vista sulle stelle (perché dal tetto pioveva dentro), lontano da ogni comodità. Penso sia stata la Madonna a farci dire di sì“- confida Piera, anche se l’alternanza di buio e luce, che spesso accompagna le grandi scelte della vita, in quei mesi non manca. ” Ricordo quella sera per la stanchezza, il freddo, non so – racconta Piera –  c’era un enorme sasso fuori dalla porta, e lì mi sono seduta e mi sono messa a piangere “Ma chi me l’ha fatto fare? A me che avevo tutto?” Il dubbio oscura tutto, ma nella comunione con Matteo torna la luce. Con i bambini scendono da Clusone a Loppiano, la notte di santa Lucia, tra il 12 e il 13 Dicembre, che a Bergamo è la notte dove arrivano i regali per i bambini. ” I bambini piangevano perché dicevano: ‘ma qui Santa Lucia non passa’ ed io: ‘Ma no, vedrete che quest’anno passerà Gesù Bambino‘e quella sera fummo travolti dall’amore chi portava una pentola di minestra calda, chi un sacco di pane, ed alla sera è arrivata Renata Borlone – che era responsabile della cittadella e ora è Serva di Dio – con i regali di S.Lucia, non immaginate la sorpresa e la festa per i bambini”.

Sono ancora gli anni pionieristici di Loppiano, caratterizzati da un forte slancio spirituale e grande impegno concreto.  Piera e Matteo continuano a costruire la loro famiglia cercando di dare ai figli non solo intelligenza e libertà, ma anche dei valori spirituali che li accompagnano nella loro vita.  Dopo Giorgio, Chiara, Gianpaolo, Andrea, Emanuele e Silvia, nati a Clusone, a Loppiano nascono Paolo, Simone, Mario e Tony.

Questi anni sono stati caratterizzati anche da una fitta corrispondenza con Chiara Lubich  che le propone – quale binario —  una Parola di vita personale: “Se uno entra attraverso di me sarà salvo” (Gv. 10,9) e una per la famiglia: “Tutto concorre al bene di coloro che amano Dio” (2Cor. 9,6).

Da una lettera di Piera a Chiara Lubich  del 3.12.1995: “Ho conosciuto l’Ideale con Dio Amore e mi ha sempre affascinato e riempito di grande gioia. Poi ho scoperto Gesù Abbandonato, nei primi tempi, in grande stile, per la nascita al Cielo di un figlio piccolo, e lì è stato un chiedermi il perché, senza riuscire a dargli un nome, ma è stato Gesù in mezzo che mi ha dato la forza di andare avanti. In questi giorni ho avuto la grazia di sentirmi innamorata di Lui e sento nella mia anima un grande desiderio di scoprirlo sotto ogni cosa ogni piccola cosa di ogni giorno per poterlo abbracciare e dirgli: Ti voglio bene”.

Ed il 30.11.2003 le scrive : ” L’unione con Dio… questo colloquiare con Lui sempre, è la cosa che sento forte nell’anima e che mi dà una carica nuova mai provata ,mai sentita prima. Questi sì a Lui Abbandonato e Risorto in me e nelle persone che Gesù mi ha affidato è vederli con altri occhi. Sento forte come Dio mi ama immensamente e sento che devo dire grazie ogni momento con la mia vita“.

Dopo la morte di Chiara Lubich  intesse un rapporto epistolare anche con Maria Voce, Emmaus – attuale presidente del Movimento – soprattutto dopo l’insorgere della malattia, un tumore. Le scrive il 23 ottobre 2015: … sono stata operata ad agosto ora sto facendo la chemio, cerco di offrire tutto per l’Opera, per la Cittadella, che lo Spirito Santo sia sempre con tutti voi in questi giorni speciali” . Emmaus le risponde: “ti sono grata per avermi comunicato la tua anima, come vivi questo prezioso periodo della tua vita. Gesù Abbandonato ti si è presentato in modo solenne. Sono con te a riconoscerlo ed accoglierlo con amore …”.

In questo ultimo periodo Piera era tornata ad accusare vari dolori, ma nulla lasciava presagire una partenza così improvvisa per il Cielo il 18 Dicembre scorso all’ospedale di Figline Vald’Arno; ” E’ partita silenziosamente – dice il figlio Paolo –  come ha sempre vissuto. Anche se la sua è stata una partenza improvvisa, in realtà ci sembra che lei quasi se lo sentisse, che si fosse preparata a questo appuntamento già da tempo. Nei momenti più difficili della sua vita ha sempre chiesto l’aiuto a Maria, come l’ha sempre ringraziata per le grazie ricevute. E ci sembra che la Parola di Vita di questo mese “Eccomi, sono la serva del Signore avvenga di me secondo la tua Parola”, l’abbia aiutata e portata a dire quel “sì” che ha ripetuto fino alla fine.

Piera ha dato la vita per realizzare il sogno di una Mariapoli permanente, ma da quanto  abbiamo vissuto qui a Loppiano in questi giorni, dalla scia di luce e di gratitudine che ha lasciato, ci siamo accorti come anche  Dio abbia realizzato in Piera  il suo sogno, il suo disegno su di lei. Il momento dell’ultimo saluto è stato un condensato di paradiso, un inno di lode a Dio, ed anche a lei.

Guarda video “Ricordo di Piera Balduzzi”

Share This